Il disegno della famiglia – Matteo, 5 anni

Sono la mamma di un bimbo di 5 anni e mezzo, Matteo, molto vivace ma allo stesso tempo sensibile. Da quando la nostra bella famiglia sui è allargata con la nascita di una sorellina, a febbraio di quest’anno, Matteo sembra essere diventato più capriccioso e piagnucolone per qualsiasi motivo, anche se sembra provare un grande amore per la nuova arrivata.
Inoltre sembra aver rafforzato il forte legame che già esisteva con il papà.
N.B.: In famiglia siamo in quattro: mamma, papà, Matteo e sorellina. Il disegno rappresenta la nostra famiglia.

RELAZIONE
Il ritratto di Matteo
Il bimbo sembra dotato di una notevole sensibilità che viene espressa, anche nel suo disegno, dove si fa più grande di tutti. Se da una lato egli con ciò rivela una natura intellettivamente vivace, a livello di carattere egli sembra avere momenti di regressione, quasi una voglia di tornare piccolo, di essere al centro dell’attenzione e di essere costantemente notato. I mutamenti d’umore, che possono intercorrere nella crescita, sono del tutto naturali, poiché egli sta cercando un proprio modo di vivere e di sentire la vita. Matteo quindi alterna momenti di dolcezza ad altri di reattività (vedi mani a raggiera del papà e un sole coperto di nuvole). È logico che il carattere del bimbo stia ancora formandosi, per cui occorre porre attenzione a far emergere i suoi effettivi talenti e ad accettare eventuali malumori che possono sopravvenire nel corso della crescita.
Le relazioni con gli altri
La naturale capacità di socializzazione, dovuta al suo naturale bagaglio temperamentale basato soprattutto sulla sensibilità, non dovrebbe creare delle difficoltà nell’incontro coi coetanei. Tuttavia va ricordato che egli difficilmente accetta bambini troppo aggressivi.
Il segno rivelatore:
Il corpo della figura umana appare ancora legato ad una forma elementare, quella che tecnicamente viene definita del “girino” e quindi Matteo dimostra di essere ancora in una fase di strutturazione percettiva di sé e del proprio schema corporeo.
Il consiglio:
visto il sole coperto da nuvole e le mani a raggiera del papà, sarebbe utile che Matteo potesse avere con lui una maggiore complicità. Egli dimostra la voglia di averlo molto vicino per sentirsi da lui protetto e rassicurato dal suo affetto.