Proporzioni – La figura Umana

Riguardano il rapporto che in una figura disegnata esiste tra testa, tronco e arti, e, all’interno di essi, tra i vari particolari, come ad esempio la dimensione degli occhi rapportata alla dimensione del volto oppure le mani rispetto alle braccia.

Questo tipo di rapporto segue incredibilmente il normale rapporto dimensionale della crescita dalla nascita all’età adulto (vedi schema).

Non esiste una regola precisa per stabilire una corretta proporzione, ma è indubbio che essa venga a mano a mano acquisita con l’evolvere della maturazione grafica che corrisponde alla crescita globale del bambino.

Di particolare significato sono le seguenti “sproporzioni”:
– testa eccessivamente grande: segnala un forte attaccamento al bisogno di scambio, sia in senso nutritivo (grande volto = grande bocca), sia relativo alla comunicazione. In questi bimbi la sede delle soddisfazioni è legata all’oralità e non disdegnano di mettersi in mostra con atteggiamenti anche un po’ esibizionistici.